itzh-TWenfrdeptrues

GAETA, LE 100 MERAVIGLIE (+1)

Adagiata ai piedi del Monte Orlando, nel cuore della Riviera d’Ulisse, su una penisola protesa verso l’azzurro del golfo che porta il suo nome, Gaeta regala bellezza da millenni.

B&B SERAPO, B&B GAETA

Il suo ricco patrimonio storico e culturale affonda le proprie radici già nel periodo repubblicano e imperiale dell’antica Roma, è passato attraverso le invasioni dei Longobardi e dei pirati saraceni, il dominio bizantino e normanno, fino ad arrivare alla Gaeta Repubblica Marinara e alla nascita e alla caduta del Regno delle due Sicilie.

BB GAETA

Oltre due millenni di storia hanno lasciato tracce indelebili dell’infinita ricchezza di cui Gaeta si è fatta portatrice nei secoli, rintracciabili nei tanti monumenti che si incontrano percorrendo i vicoli e le strade del borgo medievale e i suoi dintorni: dall’imponente Castello Angioino Aragonese alle suggestive fenditure della Montagna spaccata, dal campanile normanno-moresco della Cattedrale dei Santissimi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta fino al Bastione La Favorita. E ancora, il Palazzo della Cultura che ospita l’archivio storico, il Santuario della Santissima Annunziata con la Cappella d’oro e il palazzo della Gran Guardia.

Non solo bellezze artistiche, ma anche meraviglie naturali, come le sette spiagge per cui Gaeta è nota. Dieci chilometri di sabbia chiara, con il mare limpido davanti e una fitta vegetazione mediterranea alle spalle, intervallati solo da piccole insenature e speroni di roccia: si va da Serapo all’Arenauta, da San Vito all’Ariana, più volte riconosciuta Bandiera Blu per le sue acque cristalline.

BB SERAPO, B&B A casa di Lidia, 

Il volume “Gaeta, le 100 meraviglie (+1)”, a cura di Andrea Brengola, racconta di questo scrigno che si affaccia sul mare del litorale pontino in cui natura, arte e storia hanno depositato i loro tesori, tra mito e leggenda.

cover-gaeta-meraviglie-def-500x493.jpg

 

Giornalista televisivo iscritto all’Ordine dei Giornalisti del Lazio, guida turistica abilitata iscritta all’albo della Regione Lazio, laureato in Conservazione dei Beni Culturali, Andrea Brengola ha maturato esperienze professionali nel campo della comunicazione e dell’informazione sia per aziende private che per enti pubblici. Autore e curatore di pubblicazioni storiche, passa dalla conduzione del telegiornale a quella radiofonica ricoprendo incarichi come addetto stampa e social media manager. Per Typimedia ha curato il volume “Gaeta, le 100 meraviglie (+1)”.

IMG-20220427-WA0040-300x300.jpg

Gaeta e il mare - Un libro illustrato per ragazzi racconta la storia della città, dal mito ai giorni nostri

Da Enea all’epica dei sommergibilisti, una narrazione coinvolgente per scoprire Gaeta e il suo profondo legame con il mare
Proseguono le celebrazioni legate all’iniziativa Gaeta e la Marina Militare: un legame storico lungo 160 anni promossa dal Comune di Gaeta e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni, con il Patrocinio della Marina Militare.
Dopo l’avvio delle Lezioni di Storia a Km0 negli istituti scolastici di Gaeta e la presentazione del calendario della prestigiosa rassegna Pagine di Storia nell’ambito del Festival Nazionale della Storia, è stato presentato oggi alla stampa nella sala Consiliare del Comune di Gaeta – alla presenza del Sindaco Cosmo Mitrano, il presidente di Typimedia Luigi Carletti e il giornalista Antonio Tiso – il libro illustrato per ragazzi, fresco di stampa per Typimedia Editore, “Gaeta e il mare. Dal mito ai giorni nostri”.
“Una pubblicazione – spiega il Sindaco Cosmo Mitrano – che ripercorre in maniera originale ed entusiasmante la storia della nostra città attraverso gli avvenimenti, il mito, i personaggi che hanno lasciato traccia di loro. Un libro corredato da immagini ed illustrazioni che si inserisce nelle attività previste dall’iniziativa “Gaeta e Marina Militare: un legame storico lungo 160 anni” con il quale intendiamo esaltare la storia quale memoria di un popolo e testimonianza per le future generazioni. Il volume, infatti, è destinato agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado della nostra città che potranno apprendere ed approfondire la storia di Gaeta ed il ruolo che la nostra città ha rivestito nel corso dei secoli quale protagonista anche della storia d’Italia”.
“Il libro che presentiamo oggi – afferma Luigi Carletti, editore di Typimedia – è il primo di una nuova collana, La Storia Junior, dedicata ai ragazzi. È stato realizzato con molta semplicità, che si è tradotta in capacità narrativa, con l’ambizione di interrompere l’attrazione per lo schermo dei cellulari per farla tornare sull’oggetto libro”.
Dal mito di Enea all’epica moderna dei sommergibilisti, “Gaeta e il mare. Dal mito ai giorni nostri” narra la storia di Gaeta attraverso venti racconti scritti dal giornalista Antonio Tiso e illustrati da Marco Giannini.
Il volume si rivolge ai ragazzi delle scuole e li introduce a una storia millenaria. Gli autori portano il lettore a immergersi in un mondo sospeso tra mito e realtà e lo fanno con un linguaggio sempre suggestivo.
“Questo libro – racconta il curatore Antonio Tiso – è stato un bagno nella grande Storia, un viaggio sorprendente anche per noi che lo abbiamo fatto. Gaeta ha una stratificazione di eventi storici e di episodi importantissimi che partono da Enea, abbracciando il mito e la leggenda, per arrivare al Novecento e oltre”.
La città tirrenica affonda infatti le sue origini nella leggenda, tanto che il suo nome deriverebbe dalla nutrice di Enea, l’eroe di Virgilio. Ma la storia di Gaeta si intreccia anche alle vicende degli Argonauti, alla figura di Ulisse, all’Inferno di Dante, a Montagne spaccate e poi a vicende storiche reali che partono dall’epoca romana per arrivare ai giorni nostri.
Durante i secoli, in questa tranquilla località di mare accade di tutto: Lucio Munazio Planco, legato di Giulio Cesare, vi costruisce una villa e un Mausoleo, Gaeta diviene Repubblica Marinara e combatte la guerra contro i Saraceni. Nel tempo vede partire i suoi esploratori alla scoperta del Canada e delle terre del Nord America, come i più illustri pittori alla volta di Roma per ritrarre papi e cardinali. Ed è sempre qui, in questa cittadina del litorale laziale, che si rifugia Papa Pio IX all’epoca della Repubblica Romana, traendo ispirazione per il dogma dell’Immacolata Concezione.
Gaeta poi è una delle ultime roccaforti del Regno delle Due Sicilie a cadere durante il Risorgimento, tra la fine del 1860 e l’inizio del 1861. L’assedio in cui viene costretta dalla flotta dell’Armata Sarda, la consegna all’Italia unita. E da quel momento, per la città, si apre una nuova vita, nella quale saprà sempre dare il suo contributo alla Storia del paese, anche nelle fasi più delicate come le Guerre mondiali.
Ma Gaeta è anche riti e tradizioni, come la festività della Madonna di Porto Salvo, la protettrice dei naviganti, che la seconda metà di agosto, dal 1926, viene celebrata con una grande festa popolare. Le barche accompagnano la statua della Vergine in mare aperto, partendo da Punta Stendardo, per deporre nelle acque del golfo una corona d’alloro. Una festa che poi prosegue nel borgo di Porto Salvo, con musica e spettacoli.

HOTEL GAETA, BB SERAPO, B&B GAETA, 

280291129_1851809721676095_4430703478643352525_n.png

Al via Pagine di Storia: scrittori, giornalisti e intellettuali raccontano - Da giugno a dicembre la prestigiosa rassegna del Festival Nazionale della Storia per i 160 anni di Gaeta e Marina Militare. Ospiti d’eccezione, Colombo, Lucarelli, Mazzucco, Scur

Debutta il prossimo 8 giugno a Gaeta la rassegna Pagine di Storia: scrittori, giornalisti e intellettuali raccontano, prestigiosa iniziativa che rientra nel Festival Nazionale della Storia realizzato nell'ambito del progetto Gaeta e la Marina Militare: un legame storico lungo 160 anni promosso dal Comune di Gaeta e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il Patrocinio della Marina Militare.

Ospiti d’eccezione di un viaggio nella Storia del Paese che si concluderà a dicembre, Gherardo Colombo, Carlo Lucarelli, Melania Mazzucco, Antonio Scurati e Paolo Mieli, protagonisti di un ciclo di cinque incontri di alto profilo ad ingresso libero che si svolgerà in diversi luoghi rappresentativi della città di Gaeta.

Nel mese di dicembre, al termine dei cinque appuntamenti in programma, verrà assegnato ad uno dei relatori ospiti uno speciale riconoscimento per l'opera svolta a favore della conoscenza storica, attraverso il conferimento del Premio divulgazione storica Città di Gaeta.

 

La rassegna è organizzata dall'Associazione Culturale Tuttilibri, sodalizio che da diversi decenni opera in ambito culturale attraverso varie iniziative, in particolare in ambito letterario, tra cui la rassegna estiva Libri Sulla Cresta dell'Onda, che in 28 anni di svolgimento, ha ospitato centinaia di autori, di cui molti di fama internazionale.

 BB GAETA, B&B GAETA, B&B SERAPO

L'urgenza di riportare la Storia all'attenzione dell'opinione pubblica nasce dal progressivo restringimento che sta subendo questa disciplina in Italia negli ultimi decenni, mentre è opinione degli organizzatori quanto sostenne Rosario Villari, uno dei massimi esperti di questa materia nel nostro Paese, che scrisse: "Le comunità in cui la conoscenza della storia è più radicata e diffusa, hanno qualche vantaggio rispetto a quelle in cui prevale la strumentalizzazione politica, la visione retorica o il culto integralista del passato. Purtroppo, però, queste ultime sono più numerose delle altre".

Pagine di Storia sono il nuovo tassello di una programmazione lungo 12 mesi che proseguirà con proiezioni scenografiche, uno speciale allestimento del Museo dell’Unità d’Italia con oltre 300 cimeli storici, due volumi con centinaia di foto d’archivio, traversate a nuoto nelle acque del Golfo, concerti ed eventi a tema. Un calendario ricchissimo di iniziative per ricordare e condividere il 160° anniversario del legame storico tra la città e la Marina Militare Italiana che culminerà nella Giornata della Marina Militare del 10 giugno a Gaeta.

“Da Gaeta – commenta il Sindaco Cosmo Mitrano - si racconta la storia d’Italia con la presenza di prestigiosi autori e giornalisti che impreziosiscono la rassegna letteraria inserita nel Festival Nazionale della Storia che si prefigge soprattutto il compito di ricordare il percorso che ha portato al dono di un «Paese libero, prospero e unito». Pagine di Storia vuole promuovere ed incentivare quello spirito di coesione sociale e nazionale, raccontando i fatti storici a Gaeta, luogo dove si è scritta la storia d’Italia. Un percorso letterario entusiasmante che ci apprestiamo a vivere insieme in un crescendo di emozioni che gli autori sicuramente riusciranno a trasmettere nel corso dei cinque appuntamenti in programma di grande qualità ed altissimo livello”.

“Si avverte forte l'urgenza di tornare a parlare di Storia – afferma Riccardo Campino di Tuttilibri - una disciplina che negli ultimi anni è stata progressivamente accantonata da scuole e università, con la riduzione del numero di ore di lezione e delle cattedre. Adesso che la guerra è arrivata alle porte di casa nostra, lo studio del passato avrebbe molte cose da insegnare, ad iniziare dalla ricerca, dalla verifica e dal confronto delle fonti. Siamo davvero felici che il Comune di Gaeta abbia accolto questo nostro progetto, che vedrà nei prossimi mesi cinque ospiti d'eccezione accompagnarci in altrettanti viaggi di scoperta, attraverso il racconto di alcune delle pagine più significative della nostra storia contemporanea”.

IL PROGRAMMA DI PAGINE DI STORIA 2022

LEZIONE 1

Gherardo Colombo - mercoledì 8 giugno ore 18.30 - Chiesa della SS. Annunziata

"La Costituzione italiana. Pietra miliare del Paese"

Ex magistrato, giurista, saggista e scrittore, noto al grande pubblico per aver condotto inchieste celebri, Gherardo Colombo è stato consigliere presso la Corte di cassazione e oggi, a partire dal 2009, è presidente della casa editrice Garzanti e da molti anni è impegnato nell'educazione alla legalità nelle scuole in tutta Italia. Nel 2010 ha fondato l'associazione Sulleregole che opera gratuitamente nel settore dell'educazione alla legalità, nella diffusione della conoscenza della Costituzione Italiana, nel volontariato nelle carceri e nella formazione degli insegnanti.

LEZIONE 2

Carlo Lucarelli - venerdì 29 luglio ore 21.30 -  Sagrato della Chiesa della SS. Annunziata Evento organizzato in collaborazione con la rassegna Libri sulla Cresta dell'Onda

" L'Italia dei misteri, una storia ancora da scrivere"

Scrittore, sceneggiatore, conduttore televisivo e radiofonico, fumettista e docente, Carlo Lucarelli è autore di numerosi libri, molti dei quali sono gialli a sfondo storico, che hanno avuto notevole successo di pubblico e in molti casi una trasposizione cinematografica oppure sono diventati film per la televisione; tra questi la celebre serie dell'Ispettore Coliandro con protagonista l'attore Giampaolo Morelli. Tra le tante trasmissioni che ha condotto in prima serata sulla RAI, notevole successo ha riscosso il suo programma Mistero in Blu, che analizzava in modo approfondito fatti di cronaca, indagini su disastri e su crimini dell'ultimo cinquantennio della nostra storia, lavoro che continua ancora oggi attraverso il racconto del lato oscuro della nostra società con programmi molto apprezzati sulle principali reti televisive.

LEZIONE 3

Melania Gaia Mazzucco - sabato 22 ottobre ore 18.30 - Chiesa della SS. Annunziata

" Raccontare la storia"

Scrittrice tra le più apprezzate del panorama italiano, Melania Mazzucco pubblica il suo primo romanzo nel 1996 ed è subito finalista al Premio Strega, il più importante riconoscimento letterario del nostro Paese, che poi vincerà nel 2003 con il romanzo storico Vita (Rizzoli), in cui racconta la vera storia dell'emigrazione dei suoi antenati in terra americana. Il romanzo verrà tradotto in molti Paesi raccogliendo un numero molto elevato di riconoscimenti in tutto il mondo ed è segnalato dal New York Times Book Review come uno dei 10 romanzi migliori di quell'anno, l'unico non in lingua inglese. La sua produzione letteraria spazia dai romanzi su temi attuali a quelli a sfondo storico.  Grande esperta ed appassionata di storia dell'arte, Melania Mazzucco utilizza un metodo di scrittura che prevede lunghi studi preparatori prima di passare alla stesura definitiva dei suoi libri, ed è proprio questa una delle ragioni per cui questa scrittrice risulta tra le più premiate del nostro panorama nazionale.

LEZIONE 4

Antonio Scurati - sabato 19 novembre ore 18.30 - Chiesa della SS. Annunziata

"Gli italiani e il fascismo"

Scrittore e accademico, docente di letterature comparate e di scrittura creativa all'università IULM di Milano, editorialista del Corriere della Sera, ha vinto i più importanti premi letterari italiani. Esordisce in libreria nel 2003 con il romanzo Il rumore sordo della battaglia (Mondadori) e da quel momento alterna la pubblicazione di opere di narrativa a saggi, tutti i suoi libri raccolgono riconoscimenti importanti. Nel 2007 Antonio Scurati si cimenta anche nella sceneggiatura cinematografica, con il documentario La stagione dell'amore, film che indaga la vita eroica nell'Italia contemporanea, riprendendo l'inchiesta realizzata nel 1965 da Pier Paolo Pasolini in Comizi d'amore. Dopo aver raggiunto per ben due volte la finale del Premio Strega con i suoi romanzi Il bambino che sognava la fine del mondo (2009) e Il padre infedele (2013), nel settembre 2018 Scurati pubblica M. Il figlio del secolo, primo volume di una trilogia su Benito Mussolini, destinata a raccontare la storia italiana dal 1919 alla fine del 1945. Sin dalla sua pubblicazione, M. diventa un caso letterario, capace di riscrivere il concetto stesso di romanzo storico nella letteratura italiana. Vincitore del Premio Strega nel 2019, M. ha venduto solo in Italia oltre 500.000 copie ed è stato tradotto in oltre 40 paesi. Il secondo volume della trilogia, intitolato M. L'uomo della provvidenza, pubblicato nel 2020, ottiene il medesimo successo del precedente e per il prossimo autunno è atteso il terzo e conclusivo capitolo di quest'opera esemplare.

Nel 2020 Antonio Scurati è stato insignito dal Presidente Sergio Mattarella dell'onorificenza di Commendatore dell'Ordine al Merito della repubblica Italiana.

 

LEZIONE 5

Paolo Mieli - sabato 10 dicembre ore 18.30 - Cinema Teatro Ariston

"Un secolo di storia d'Italia. Dall'unità del Paese ai conflitti bellici del '900, fino alla rinascita del secondo dopoguerra"

Giornalista, saggista, opinionista e conduttore televisivo, Paolo Mieli ha da sempre messo al centro dei suoi interessi professionali la storia e la politica. È stato direttore de La Stampa e del Corriere della Sera per ben due volte, nonché presidente di RCS Libri fino al 2016 ed ha animato per alcuni decenni il dibattito politico del nostro Paese dal timone dei grandi quotidiani italiani. Sin dai tempi dell'università, dove ha frequentato la facoltà di Lettere, la vocazione di Mieli è emersa con chiarezza, infatti la sua tesi in storia moderna e contemporanea ebbe come relatori due maestri di questa materia come Renzo De Felice, storico italiano del fascismo, e Rosario Romeo, studioso del Risorgimento. Tanti sono i suoi libri a tema storiografico, tra cui Le storie, la storiaStoria e politicaL'arma della memoria, solo per citarne alcuni, fino ad arrivare al suo ultimo libro intitolato Il tribunale della storia. Processo alle falsificazioni (Rizzoli). Da alcuni anni tiene un seminario sulla "Storia dell'Italia Repubblicana" presso l'Università degli studi di Milano, mentre in televisione conduce con grande capacità l'ottimo programma Rai Passato e Presente che si avvale di un comitato scientifico di altissimo livello.

Al-via-Pagine-di-Storia-scrittori-giornalisti-e-intellettuali-raccontano-Da-giugno-a-dicembre-la-prestigiosa-rassegna-del-Festival-Nazionale-de.jpg

 

A Gaeta sventola ancora la Bandiera Blu: il prestigioso vessillo confermato per il nono anno

Sventola ancora la Bandiera Blu anche sul litorale di Gaeta, uno degli otto comuni della provincia di Latina che quest’anno hanno ricevuto l’ambito riconoscimento. La cerimonia di conferimento c’è stata nella mattinata di ieri in videoconferenza. 
 
HOTEL GAETA, BB GAETA
 
La Bandiera Blu è un certificato internazionale, rilasciato dalla FEE-Foundation for Environmental Education istituito nel 1987 “Anno europeo dell’Ambiente”, che viene assegnato ogni anno in 49 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell'ONU.
 
E quest’anno, per il nono consecutivo, è stata nuovamente assegnata a Gaeta che, dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano, conferma così “il prestigio vessillo internazionale assegnato alle località turistiche che soddisfano criteri di qualità relativi alla pulizia delle spiagge, delle acque di balneazione ed ai servizi offerti. Fin da subito abbiamo lavorato affinché la nostra città riconquistasse il giusto posto che le spetta nel panorama turistico nazionale ed internazionale. Il conferimento della Bandiera Blu anche per il 2022 sicuramente rafforza non solo l’immagine della nostra città quale meta turistica ma certifica tutti quei criteri indispensabili per il conseguimento dell’attestato come la qualità dei servizi e la sostenibilità ambientale. Grazie alla Bandiera Blu, Gaeta inoltre riesce a richiamare l’attenzione anche dei turisti del Nord Europa molto attenti agli aspetti che contraddistinguono il riconoscimento andando così a posizionarsi sul mercato turistico internazionale. Un risultato importante per Gaeta – conclude il primo cittadino - che premia soprattutto l’impegno dei cittadini, delle imprese ed attività commerciali e che raggiungiamo grazie al proficuo lavoro dei nostri uffici pronti a raccogliere, documentare e fornire tutti quei dati che poi vengono valutati dalla commissione della Fee. Un sentito ringraziamento intendo rivolgerlo al Dipartimento Cura e qualità del territorio e sostenibilità ambientale e, in particolar modo, all’Ingegnere Giandomenico Valente che si dedica da anni in maniera costante e con dedizione allo svolgimento di tutti gli atti amministrativi finalizzati all’acquisizione del prestigioso riconoscimento”.
 
HOTEL GAETA, BB GAETA
 
I criteri per l'assegnazione della Bandiera Blu sono l’assoluta validità delle acque di balneazione, efficienza della depurazione e della gestione dei rifiuti, aree pedonali, piste ciclabili, arredo urbano, aree verdi, servizi in spiaggia, abbattimento delle barriere architettoniche, corsi d'educazione ambientale, strutture alberghiere, servizi d'utilità pubblica sanitaria, informazioni turistiche certificazione ambientale delle attività istituzionali e delle strutture turistiche, pesca sostenibile. I controlli vengono effettuati dagli organi locali della FEE che, attraverso un Comitato Nazionale di giuria, propone le candidature della nazione.
 
“Un risultato eccezionale per la città di Gaeta –commenta l’Assessore al turismo Angelo Magliozzi– e sentire esprime attestati di riconoscimento nei confronti della nostra città ci riempie di orgoglio. Gaeta è finalmente al pari di altre importanti città turistiche italiane tanto da essere indicata come modello e valido punto di riferimento del mercato turistico nazionale. Il tassello che ci mancava per chiudere in bellezza il secondo mandato dell’Amministrazione Mitrano. La qualità delle nostre acque è eccellente, la percentuale di raccolta differenziata è a livelli molto alti, i progetti ambientali nelle scuole proseguono a gonfie vele. La Bandiera Blu è un sigillo di garanzia del nostro mare e delle nostre spiagge ma soprattutto il giusto premio per il lavoro svolto in questi anni”.
"L'ennesima assegnazione della Bandiera Blu – aggiunge il Delegato allo Sport Luigi Ridolfi - conferma la qualità del nostro incantevole litorale e dei servizi ad esso annessi. Tra gli innumerevoli benefici di questo importante riconoscimento si inseriscono anche le attività sportive in acque marine e sugli arenili, con il crescente aumento del turismo sportivo, una nicchia dell'offerta turistica che ha ormai assunto numeri importanti nell'ambito della economia locale."
 
gaeta_bandiera_blu_2022-2_1.jpg
 

Concluso a Gaeta il Trofeo Punta Stendardo

Una 26ma edizione del Trofeo Punta Stendardo di altissimo livello quella conclusa ieri a Gaeta, nelle acque del suo splendido Golfo, a cui quest’anno è stata dedicata un’intera settimana di regate con la prima edizione della Settimana Velica del Golfo. Sono state coinvolte diverse discipline (2K, star, windsurfer, altura) ed è stata proprio la classica altura sulle boe del Trofeo Punta Stendardo a chiudere la kermesse che ha visto la presenza di un gran numero di importanti velisti.
In un panorama dell’altura molto “inflazionato” dalle regate offshore il Trofeo Punta Stendardo rimane un punto fermo per tutti quelli che amano gareggiare inshore e come sempre i team più importanti iniziano la loro stagione proprio da Gaeta. Presenti Swan 42, TP 52, Minimaxi, Mylius, Grand Soleil, Italia Yacht, X Yacht, Este, First, Comet, Vismara ecc. Un piccolo Campionato Italiano (open) che ha coinvolto 20 agguerrite imbarcazioni. La Regata, valida per Qualificazione Nazionale per il Campionato Italiano Assoluto d’Altura 2022 per il Campionato IV Zona Altura 2022 per il Trofeo Armatore dell’Anno UVAI 2022, è stata organizzata dallo Yacht Club Gaeta con il supporto del Circolo Nautico Caposele, in collaborazione con La Lega Navale Gaeta, il Club Nautico Gaeta, la Sezione Vela FFGG e con il patrocinio del Comune di Gaeta e del Comune di Formia.
Tre giorni di regata, 5 prove, caratterizzati da vento Tra 6 e 15 nodi, condotti da un ottimo Comitato di Regata presieduto da Mario Lupinelli.

 

BB GAETA
A prevalere nella overall ORC R sono stati gli estoni dello Swan 42 Katarina II di Aivar Tuulberg (con Lorenzo Bodini alla tattica, ormai di casa a Gaeta), nella ORC C il team di Milù III Mylius 14E55 di Andrea Pietrolucci (alla tattica Luigi Ravioli). Nella classifica IRC con una grande prestazione il First 40 Sayann di Paolo Cavarocchi conquista il gradino più alto del podio.
Al termine della premiazione grande emozione per la consegna del TROFEO DEL COMMODORO, dedicato all’ideatore del Trofeo Punta Stendardo e di altre manifestazioni di grande rilievo Dott. Giacomo Bonelli, Commodoro del Comitato Velico del Goffo, recentemente scomparso. Il trofeo è un perpetuo ed è stato consegnato per la sua prima edizione a Fabrizio Gagliardi con la seguente motivazione:
Ad un grande amico del Commodoro Giacomo Bonelli, sempre presente, sino all’ultima partenza.
Per aver intuito le potenzialità del Golfo di Gaeta nella vela ed aver sostenuto sin dalla sua nascita il Trofeo Punta Stendardo, giunto oggi alla sua XXVI edizione. La prima senza il Suo ideatore ed insostituibile motore propulsivo  Tutti i premiati
IRC OVERALL
1. Sayann, Paolo Cavarocchi
2. Athyris, Piergiorgio Nardis
3. Scugnizza, Vincenzo De Blasio
4. Globulo Rosso, Alessandro Burzi
5. Cavallo Pazzo 2, Enrico Maria Danielli
TROFEO COMUNE DI GAETA – 1° CLASSIFICATO IRC OVERALL
Sayann, Paolo Cavarocchi
ORC OVERALL CROCIERA
CLASSI A-B
1. Milu’III, Andrea Pietrolucci
2. Athyris, Piergiorgio Nardis
3. Faster III, Marcello Focosi
CLASSI C-D
1. Vlag, Luca Baldino
2. Cavallo Pazzo 2, Enrico Maria Danielli
3. Wanax, Giovanni Di Cosimo

B&B GAETA, B&B SERAPO

ORC OVERALL REGATA
1.  Katarina II, Aivar Tullberg
2.  Canopo, Adriano Majolino
3.  Blu, Roberto Monti
TROFEO SERGIO MASSEROTTI Armatore/timoniere – 1° CLASSIFICATO ORC OVERALL
Canopo, Adriano Majolino
TROFEO CHALLENGER P. STENDARDO – 1° CLASSIFICATO ORC OVERALL
Katarina II, Aivar Tullberg

FONTE: Vento e Veletrofeo-punta-stendardo.jpg